• GP LUGANO

    GP LUGANO

    Il mese di marzo si è aperto per Damiano Cunego con la partecipazione al Gp Lugano, corsa organizzata dal Velo Club Lugano che ormai è entrata a pieno titolo nel calendario internazionale avendo ricevuto la qualifica HC. Proprio a causa di questo salto di categoria il tradizionale percorso ha subito una piccola variazione di chilometraggio per arrivare a un totale di 184,9 km da percorrere, 17 km in più rispetto alle precedenti edizioni.

    La corsa è stata caratterizzata da vari tentativi di fuga, che hanno visto agire anche alcuni compagni di squadra di Damiano, tra cui Antonio Nibali nel primo allungo, con il gruppetto ripreso al km 155. Di nuovo negli ultimi 30 km numerosi i tentativi di attacco per provare ad anticipare lo sprint, ci prova anche Ivan Basso che passa per primo all’ultimo passaggio sul Gpm di Collina d’oro, alla sua ruota Niemec e Cunego che dimostra una buona condizione in vista dei prossimi impegni.

    L’ultima fuga viene viene neutralizzata poco prima dell’inizio della salita della Rubigiana: Basso e Paulinho riprovano ad attaccare senza successo e il team Saxo-Tinkoff mantiene un’andatura alta, il gruppo in discesa si riduce a 20 unità preparandosi allo sprint finale. Si aggiudica la volata Niccolò Bonifazio del Team Lampre-Merida precedendo Francesco Gavazzi (Team Southeast) e Matteo Montaguti (Ag2r La Mondiale). Buon 10° posto per Damiano Cunego, un piazzamento che dimostra una condizione in crescita e che fa da viatico all’imminente appuntamento sugli storici sterrati della Strade Bianche. Il veronese è stato, infatti, grande protagonista e spesso primo attore della corsa, seguendo Ivan Basso nelle sue progressioni in salita e facendo lavorare bene la squadra in vista del finale. Un finale per altro danneggiato da una violenta sbandata a circa 500 metri dall’arrivo che ha fatto perdere posizioni preziose al Capitano Veronese, scivolato in coda al gruppetto che si è poi giocato la corsa.‎

Leave a reply

Cancel reply