• Splendido 4º posto al Giro dell’Emilia

    Splendido 4º posto al Giro dell’Emilia

    Oggi si è corsa una classica italiana di grande importanza nel calendario autunnale: il Giro dell’Emilia. Il celebre percorso prevedeva la partenza dalla Fiera di Bologna e arrivo dopo 200 km su colle di San Luca da affrontare 5 volte nel circuito finale. La corsa è stata caratterizzata inizialmente dalla prima fuga di giornata partita al km 53 di cui facevano parte Frapporti (Androni-Sidermec)  e Bideau (Bretagne Seche Environment) i due hanno raggiunto un vantaggio massimo di 3 minuti, Frapporti resta da solo per gli ultimi dieci km di fuga poiché il corridore francese è rimasto fuori dai giochi a causa di una scivolata. Una volta ripresi i primi fuggitivi di giornata ai piedi del primo passaggio sul Colle di San Luca escono dal gruppo Andrea Fedi (Team Southeast), Angel Madrazo (Caja Rural) e Antonio Nibali (Team Nippo-Vini fantini). Nibali si stacca al secondo passaggio sul colle di San Luca nel momento in cui dal gruppo dei favoriti composto da una trentina di corridori tenta l’allungo Jan Bakelants (Ag2r-La Mondiale) che si riporta su Fedi e Madrazo provando anche a staccarli nel 4º dei 5 passaggi previsti sul San Luca. Nell’ultimo passaggio sulla celebre salita il terzetto si ricompone e i tre arrivano ad avere un  vantaggio massimo di 1’24”. Dietro nel gruppetto ormai ridotto a 10 unità non c’è collaborazione. Un brillantissimo Damiano Cunego affronta gli ultimi due passaggi sul San Luca in testa a ciò che resta del gruppo dei migliori facendo un forcing importante che esclude molti avversari. Grazie alla sua brillantezza in salita Damiano riesce ad accorciare lo svantaggio nei confronti dei primi tre ma questo non è sufficiente. Bakelandts nell’ultimo km stacca i suoi compagni di fuga giungendo vittorioso su Fedi e Madrazo rispettivamente a 2 e 3 secondi. La grinta e brillantezza dimostrate in salita permettono a Damiano Cunego di giungere in quarta posizione a soli 12 secondi dal vincitore staccando in salita anche gli avversari che facevano parte del drappello di inseguitori.

Leave a reply

Cancel reply